Bellissima intervista al qui presente, tenuta dalla redazione del portale “Insieme cambiamo Arzano”, in merito a “Zero”, antologia di racconti creata da 14 autori, sul tema forte delle dipendenze, ed edita dalla Damster edizioni.

Felicità,  amore, paura, colpa,  con la mente l’essere umano crea allo stesso tempo distrugge. Con le mani crea, con le stesse distrugge. I pensieri  spingono la materia nell’alto o verso il basso senza una via di salvezza. Da giù la spia del malessere si accende. “Zero” è un libro della Damster edizioni scritto da 14 autori che raccontano 20 storie su particolari dipendenze umane.

Alcune  diventano vere ossessioni con  stati modificati della percezione, altre finte abitudini pericolose: ti isoli dalla realtà ed entri in un mondo illusorio.  Ti convinci della forza del sintomo: lui forte occupa spazio, mentre tu debole arretri. L’uomo nel dedalo si lascia guidare da impressioni spesso contradditorie. Dalle dipendenze, prigione di uomini, nè potrai uscire? Si: la causa è da cercare in un labirinto della coscienza che ti guida allo spirito.

Il corpo soffre perché l’anima ha perso la sua dimensione. Questo stato necessita di sapienza nel cammino a ritroso verso la luce. Le emozioni disarmoniche sovrastano il solido e diventano stati insoliti. L’uscita? Ci sono le esperienze di ognuno: 20 vite illustrano la dura realtà in maniera cruda. Il libro tratta del disagio, la soluzione nessuno la troverà,  forse solo chi ha smarrito il filo conduttore.

Leggere il racconto è come incominciare un viaggiare dentro di noi, li al centro, in quell’angolo buio si troverà una lampada che solo il viandante potrà accendere. Uno dei 14 autori, Marco Peluso, ci spiega il progetto “Zero” e il significato delle dipendenza nei  racconti:

  • Per favore, ci spieghi di cosa tratta Zero.

Beh, Zero narra di dipendenze. Non tanto intese come un vizio, quanto come ciò che conduce una persona ad avere, appunto, una vera e propria dipendenza da un elemento esterno.

Non si tratta dunque del fumo, dell’alcool, di una qualche droga o del sesso. Questi sono vizi. Ciò che ci porta a utilizzare determinate cose, e dunque esserne dipendenti, è un qualcosa celato in noi. Qualcosa a volte di atavico. Magari una ferita, un trauma, una delusione.
Noi esseri umani non siamo fatti di compartimenti stagni come una nave. No, quando l’acqua entra in una stanza, essa invade l’intera nave. E se non si prendessero in tempo adeguate misure, presto la nave finirebbe a picco.

Questa è appunto una dipendenza. O meglio, l’origine di una dipendenza. Qualcosa che ha segnato la nostra vita, inquinandola con una menzogna. Una menzogna ridondante in noi, che ci porta appunto a seguire determinate cose nell’illusione di poter con esse far cessare tale menzogna. Mentre, per assurdo, seguendo quell’illusione finiamo sempre più per dipendere da essa, fortificando le menzogne che ci portano a inseguirla.

  • Perché parlare proprio di dipendenze?

A dire il vero tutto è nato come una specie di gioco.

Un’amica, Elisa Bellino, ideatrice assieme a me di Zero (come un’altra delle autrici, Maddalena Costa) nonché autrice, mi chiese di scrivere qualcosa a quattro mani.

Personalmente sono un solitario, sia nella vita che nella scrittura, ma conoscendo tale autrice (se pur alla sua prima esperienza) e apprezzandone lo stile, decisi di acconsentire alla sua richiesta.

Da qui il “Di cosa parliamo?”, e la sua risposta di voler parlare appunto di dipendenze.

Avendo io già pubblicato diversi romanzi con la Damster edizioni, proposi subito il progetto al mio editore, e convocai alcuni autori della stessa casa editrice

Ah, e perché proprio le dipendenze? Beh, sarebbe più opportuno dire, chi di noi non dipende da qualcosa?

Proprio questo uno dei motivi, almeno per quanto mi riguarda, che mi ha spinto a scrivere di dipendenze. Perché tutti lo siamo, ma pochi lo riconoscono.

Oggi più che mai si vive in una società dove l’apparenza è tutto. Ce lo dicono le pubblicità, no? In ogni angolo, in ogni dove, tutto ci urla “Devi essere un vincente. Devi piacere alla gente. Devi essere il migliore”.

Continua sul seguente link…

Progetto “Zero”, un libro che racconta 20 storie di dipendenze

 

12607098_863481070438818_150240066_n

Annunci

Presentazione del romanzo Viola come un livido.

Alcuni piccoli filmati della presentazione del romanzo Viola come un livido. Terzo classificato al concorso nazionale Eroxè Context 2014. Premiato al Buk festival di Modena 2015. Pubblicato dalla Damster edizioni in formato cartaceo e digitale.

 

 

6275674_362571

Recensione di Stefania Macor al romanzo Viola come un livido.

Scarno ed essenziale lo stile lascia che siano le parole a descrivere e a stimolare sensazioni e reazioni emotive, parole spesso dure come dure sono le situazioni descritte, senza nessuna mediazione. Apprezzo molto questa sincerità dell’autore, quest’assoluta mancanza di ipocrisia, ipocrisia frequente di questi tempi in cui l’obiettivo principale è far presa sul sentimentalismo stereotipato dei lettori. La storia è avvincente e fin dall’inizio fa venir voglia di continuare a leggerla: mi sono subito imbarcata anch’io per Senigallia curiosa di conoscere Alessandra/Violasan in un viaggio che è anche metafora di esplorazione e scoperta delle proprie aspettative ma anche per comprendere come possono incontrarsi le vite di due ‘disadattati’ che ridono del mondo, mettono a nudo se stessi e i loro istinti, le loro incertezze e le loro fragilità. Devo dire che il viaggio è stato interessante: una storia ben scritta di un incontro di amore e di sesso, sincera e senza pregiudizi, tenera e ironica nonostante lo sguardo disincantato e cinico sul mondo. Bellissimo ed emozionante il primo incontro: mi sembrava di essere lì e di riuscire a vedere da lontano i capelli di Alessandra scompigliati al vento di settembre…Capisco che quello che sto leggendo è un buon libro quando, nonostante la stanchezza, non vorrei mai chiuderlo ed è esattamente quello che mi è successo con questo libro. Un bel libro davvero.

 

536262_728343980564694_8454708457114708429_n

Recensione di Federica D’ascani al romanzo Viola come un livido.

Viola come un livido è la pelle di Alessandra. Viola come un livido è l’anima di Marco. Viola come un livido è l’impatto di due vite disagiate in un mondo normale, in continuo ed eterno movimento. Un livido ha, però, diverse sfumature, comprese in gradazioni sgradevoli, sovente, proprio a sottolineare il trauma da cui è derivato. Giallo ocra, come il colore dell’urina a bagnare le tavolette di quei bagni pubblici lordi di sozzura e squallore. Blu, come un’anima pestata da traumi infantili, dall’alcool, dal bisogno represso di un affetto mai concesso. Rosso, come una passione a stento contenuta, troppo potente affinché chi ne sia pervaso possa resistervi a lungo. Verde, come le distese sconfinate nelle quali ci si vorrebbe perdere dopo aver trovato e provato le brutture di una vita grama, costellata da insuccessi o semplicemente dovuta all’ineluttabilità di esser cresciuto in una città o in un contesto differente da quello che sarebbe stato congeniale alla propria genialità. Dal linguaggio tutt’altro che semplice, ostico e per alcuni versi veramente troppo pesante, Viola come un livido narra una breve parentesi della vita di due ragazzi fondamentalmente soli, conosciutisi in una chat, più timidi e introversi di quanto vorrebbero dare a vedere nonostante frequentatori di siti al limite del pornografico. Se da una parte vi è Marco, ragazzo allampanato, alcolizzato, affetto da frequenti malesseri, dovuti proprio alla sua forte fragilità psico emotiva, dall’altra vi è Violasan, o Alessandra, ragazza di una bellezza quasi eterea, dall’animo di difficile interpretazione, scossa da tristezze nascoste e sopite, che cerca nel sesso un modo per conoscere sé stessa e gli altri. Forse. Non c’è nulla di certo, nei caratteri descritti dall’autore, se non il forte senso di inadeguatezza che scuote le anime torbide dei suoi protagonisti. Come detto, il linguaggio appare troppo sovente molto pesante e, seppur rendendo perfettamente l’idea di totale e permeante tragicità, rende difficoltosa una lettura scorrevole. L’utilizzo reiterato di determinati termini non sempre ciò che il lettore vorrebbe trovarsi a leggere, forse perché immerso, in determinati momenti, in un aura di forte romanticismo. Si denota una sorta di freno, come se si avesse paura di provare determinati sentimenti e di esporsi al mondo per ciò che realmente si è e non per ciò che si vuole apparire. Solitamente la scurrilità, così intesa nell’accezione comune, denota una forte insicurezza e fragilità, una sorta di impossibilità cronica a mettere a parte il prossimo del proprio animo, forse per paura di non essere compresi, probabilmente per timore di venir giudicati. Un romanzo indubbiamente di spessore, forte e crudo, una storia d’amore, come giustamente evidenzia l’autore Marco Peluso, atipica. Non molto, comunque. La realtà del contesto sociale, purtroppo, è ben descritta e ravvisabile in molti luoghi d’Italia. Parliamoci chiaro, quella raccontata da Peluso non è il giusto e normale corse di come un amore dovrebbe sbocciare ed evolversi, non tanto peer il sentimento, che è inteso come mezzo di salvezza reciproca, quanto per la condizione sociale nella quale i personaggi stessi vengono a trovarsi. Alessandra e Marco devono fare i conti con i propri demoni e pochi giorni insieme offrono ossigeno, ma non salvezza. Indipendentemente dal linguaggio e dall’indubbio stile talentuoso di cui si rende protagonista Peluso, quasi si soffre per i personaggi da lui narrati, perché coscienti di una loro ineluttabilità futura. Triste, reale, forse troppo forte per molti stomaci deboli e avvezzi a letture più auliche, Viola come un livido è consigliato a chiunque voglia saggiare uno squarcio di realtà vissuta, reale, ma difficile da digerire. Di seguito il link, as usual… Ah, e ricordo che il romanzo in questione concorre per il contest “Eroxé, miglior romanzo erotico” indetto da Damster edizioni”.

 

536262_728343980564694_8454708457114708429_n

Intervista di Vittorio Xlater per la presentazione del libro Arcani Maggiori vietati ai minori.

Sul palco di Zibello per la premiazione degli Oxè Awards e per la presentazione del libro Arcani Maggiori vietati ai minori, libro edito dalla Damster edizioni.

 

10394557_722807577785001_6655288453814623679_n

Premiazione Oxè Awards 2

Premiazione degli Oxè Awards: concorso nazionale per il miglior racconto erotico, indetto dalla Damster edizioni di Modena.
Terzo posto nella categoria “Miglior racconto erotico assoluto” per il mio racconto, Love story:
Damster! Dove l’eros si fa parola.

10646664_722837994448626_2688977243073251112_n

Premiazione Oxè Awards

Ed eccomi sul giornale di Zibello per la premiazione degli Oxè Awards: concorso nazionale per il miglior racconto erotico. Il mio, Love story, classificatosi al terzo posto come miglior racconto erotico assoluto

1238972_723322184400207_1392615929207008785_n